scaffaleperturbante

“Out of Place, an ongoing Archive” in CORPO 6 Galerie, Berlin

22_37_CORPO6_berlinerpool

22:37 Kulturverein und Berlinerpool freuen sich Sie zu “Out of Place_an ongoing archive” in CORPO 6 Galerie einzuladen:

VERNISSAGE Donnerstag 13. Dezember 18.Uhr, CORPO 6 galerie, Hof, Eingang C, im ersten Stock, Herzbergstrasse 55, 10365 Berlin.

“Out of Place_an ongoing archive” ist ein offenes und kontinuierlich aktualisierbares Archiv, welches mit dem Ziel erstellt wurde, einen Überblick über die größtmögliche Bandbreite an theroetischen Referenzen und Ideen zum Konzept des Nomadismus in Beziehung zu zeitgenössischen künstlerischen Produktionen zu geben.

Hinter dem Projekt steht die Idee, daß deplatziert zu sein die Bedingung, ist die es einer Person ermöglicht sich kontinuierlich an einem Ort zu repositionieren. Dieser Prozess ist, nicht nur im physischen Sinn, notwendig, um die sich stetig wandelnde Wahrnehmung unserer Präsenz im Raum zu ermöglichen.

Die Installation beinhaltet ca. achtzig Dokumente, beigesteuert von Künstler_innen, Kritiker_innen und Kurator_innen. Der erste Teil des Archivs wurde im Oktober diesen Jahres in der Sektion Independents3 der Kunstmesse ArtVerona in Italien gezeigt. Die Besucher_innen werden aufgefordert zur nochmaligen Konstruktion des Archivs beizutragen, indem sie sich direkt am Indexieren und an der Katalogisierung der verschiedenen Beiträge von Out of Place beteiligen. Auf diese Weise wird das Archiv, als willkommener Gast, einen temporären Standort in CORPO 6 finden.

PROGRAMM

VERNISSAGE 13.Dec 18.Uhr.

> food specific von Panem et Circenses. > 21.30 Uhr live set von Iku Sakan. > Djset Von Verhille

ÖFFNUNGSZEITEN 14.Dec und 15.Dec: 16.Uhr > 19.Uhr

BEITRÄGE von Adalberto Abbate, Aleksandar Maćašev, Alessandro Ambrosini, Alessandro di Pietro, Alessandro Rolandi, Alice Pedroletti, Ana Maria Bresciani and Antonio Cataldo, Armida Gandini, Balloon, Barbara Fragogna, Basma Alsharif, Bcomeblog, Benedetta Panisson, Branka Nedimović, Boba Mirjana Stojadinović, Catrina Zanirato, Cecilia Divizia, Chryssa Tsampazi, Daniela DiMaro, Diego Mallo, Dubravka Vidovic, Dusica Drazic, Elena Bellantoni, Elena Mazzi, Elif Sezen, Emanuele Belluffi, Emma Waltraud Howes, Erika Matsunami, Fabio Campagna, Francesco Tavolaro, Gaia Martino, Giancarlo Norese, Gianluca Lombardo, Giorgos Papadatos, Giuseppe Lana, Giuseppe Mendolia Calella, Irma Markulin, Irina Novarese, Iva Kontić, Ivana Smiljanić, Ivana Spinelli, Lisa Wade, Lorenzo Mazzi, Luca Andriollo, Lucia Veronesi, Luis DeMatos, Madispa, Maja Beganovic, Marco Belfiore, Marco Pezzotta, Massimiliano Marraffa, Massimo Estero, Maria Mitsopoulou, Maria Fernanda Moscoso, Marija Jovanović Masa, Mario Ciaramitaro, Maura Banfo, Mihailo Vasiljevic, Nataša Vasiljević, Nina Simonovic, Nina Todorovic, Pamela Martinez Rod, Paula Muhr,Philipp Koch, Petya Koleva, Pola Dwurnik, Rafa Badia, Rebecca Agnes, Sasha Vinci, Sergio Racanati, Silvano Arcidiacona, Slobodan Stosić,Stefanie Schairer, Stefania Migliorati, Stephan Groß, Suite-Case, TamtamART (Ichen Tsou, YaWen Fu, YunTing Hung), Tatjana Fell, U10,Valentina Lucia Barbagallo, Vassiliea Stylianidou, Vassiliki Vayenou, Vesna Micovic, Yeşim Ağaoğlu.

PARTNERS

http://www.22e37.com/ http://www.berlinerpool.de/ http://www.corpo6.com/ http://www.panem-et-circenses.me/ http://scaffaleperturbanteblog.wordpress.com/ http://soundcloud.com/ikusaka

ENGLISH VERSION

22:37 cultural association and berlinerpool are pleased to invite you to “Out of Place_an ongoing archive” in CORPO 6 galerie: VERNISSAGE Thursday 13. December 6 pm, CORPO 6 galerie, courtyard, entrance C, first floor, Herzbergstrasse 55, 10365 Berlin.

“Out of Place_an ongoing archive” is an open and continuously upgradable archive, which was established with the aim of providing an overview of the widest possible range of theoretical references and ideas concerning the concept of nomadism in relation to the forms of contemporary artistic production.

Behind the project is the idea that being out of place is the condition which enables a person to continuously reposition himself in one place. This process, not only physical, it is necessary to build the constantly changing sense of our presence in the space. The installation contains around eighty documents sent by artists, critics and curators. The first corpus of the archive has been shown in the section Independents3 of ArtVerona, Italy, in October.

The visitors will be asked to contribute once again to the construction of the archive by participating directly in the cataloguing and indexing of the various contributions present in Out of Place. In this way, as a welcome guest, the archive will find its temporary location within CORPO 6.

PROGRAM

VERNISSAGE 13.Dec 6.pm.

> food specific by Panem et Circenses. > 9.30.pm live set by Iku Sakan. > Djset Von Verhille

OPENING HOURS 14.Dec and 15.Dec: 4.pm > 7.pm

CONTRIBUTIONS by Adalberto Abbate, Aleksandar Maćašev, Alessandro Ambrosini, Alessandro di Pietro, Alessandro Rolandi, Alice Pedroletti, Ana Maria Bresciani and Antonio Cataldo, Armida Gandini, Balloon, Barbara Fragogna, Basma Alsharif, Bcomeblog, Benedetta Panisson, Branka Nedimović, Boba Mirjana Stojadinović, Catrina Zanirato, Cecilia Divizia, Chryssa Tsampazi, Daniela DiMaro, Diego Mallo, Dubravka Vidovic, Dusica Drazic, Elena Bellantoni, Elena Mazzi, Elif Sezen, Emanuele Belluffi, Emma Waltraud Howes, Erika Matsunami, Fabio Campagna, Francesco Tavolaro, Gaia Martino, Giancarlo Norese, Gianluca Lombardo, Giorgos Papadatos, Giuseppe Lana, Giuseppe Mendolia Calella, Irma Markulin, Irina Novarese, Iva Kontić, Ivana Smiljanić, Ivana Spinelli, Lisa Wade, Lorenzo Mazzi, Luca Andriollo, Lucia Veronesi, Luis DeMatos, Madispa, Maja Beganovic, Marco Belfiore, Marco Pezzotta, Massimiliano Marraffa, Massimo Estero, Maria Mitsopoulou, Maria Fernanda Moscoso, Marija Jovanović Masa, Mario Ciaramitaro, Maura Banfo, Mihailo Vasiljevic, Nataša Vasiljević, Nina Simonovic, Nina Todorovic, Pamela Martinez Rod, Paula Muhr,Philipp Koch, Petya Koleva, Pola Dwurnik, Rafa Badia, Rebecca Agnes, Sasha Vinci, Sergio Racanati, Silvano Arcidiacona, Slobodan Stosić,Stefanie Schairer, Stefania Migliorati, Stephan Groß, Suite-Case, TamtamART (Ichen Tsou, YaWen Fu, YunTing Hung), Tatjana Fell, U10,Valentina Lucia Barbagallo, Vassiliea Stylianidou, Vassiliki Vayenou, Vesna Micovic, Yeşim Ağaoğlu.

PARTNERS

http://www.22e37.com/ http://www.berlinerpool.de/ http://www.corpo6.com/ http://www.panem-et-circenses.me/ http://scaffaleperturbanteblog.wordpress.com/ http://soundcloud.com/ikusakan

VERSIONE ITALIANA

Associazione culturale 22:37 e berlinerpool sono lieti di invitarla a “Fuori Luogo_un archivio in progress” da CORPO 6 galerie: VERNISSAGE Giovedì 13. Dicembre alle 18.00, CORPO 6 galerie, cortile, ingresso C, primo piano, Herzbergstrasse 55, 10365 Berlino.

“Fuori Luogo_un archivio in progress” è un archivio aperto e continuamente aggiornabile, che nasce con lo scopo di fornire una panoramica il più ampia possibile di riferimenti teorici e di idee riguardanti il concetto di nomadismo in relazione alle forme di produzione artistica contemporanea.

Alla base del progetto c’è l’idea che l’esser fuori luogo sia la condizione che permette a un soggetto di riposizionarsi continuamente in un luogo. Questo processo, non solamente fisico, è necessario a costruire il senso continuamente mutevole della nostra presenza nello spazio. L’installazione raccoglie un’ottantina di documenti, inviati da artisti, critici e curatori. Il primo corpus dell’archivio è stato esposto nella sezione Independents3 ad ArtVerona in Ottobre.

Gli stessi visitatori saranno chiamati a contribuire nuovamente alla costruzione dell’archivio, partecipando in prima persona alla catalogazione e all’indicizzazione dei vari contributi presenti in Fuori Luogo. In questo modo, come un ospite desiderato, l’archivio troverà una sua temporanea collocazione all’interno di CORPO 6.

PROGRAMMA

VERNISSAGE 13.Dic 18.00. > food specific di Panem et Circenses. > 21.30 live set di Iku Sakan. > Djset Von Verhille

ORARI DI APERTURA 14.Dic e 15.Dic: 16.00 > 19.00

CONTRIBUTI di Adalberto Abbate, Aleksandar Maćašev, Alessandro Ambrosini, Alessandro di Pietro, Alessandro Rolandi, Alice Pedroletti, Ana Maria Bresciani and Antonio Cataldo, Armida Gandini, Balloon, Barbara Fragogna, Basma Alsharif, Bcomeblog, Benedetta Panisson, Branka Nedimović, Boba Mirjana Stojadinović, Catrina Zanirato, Cecilia Divizia, Chryssa Tsampazi, Daniela DiMaro, Diego Mallo, Dubravka Vidovic, Dusica Drazic, Elena Bellantoni, Elena Mazzi, Elif Sezen, Emanuele Belluffi, Emma Waltraud Howes, Erika Matsunami, Fabio Campagna, Francesco Tavolaro, Gaia Martino, Giancarlo Norese, Gianluca Lombardo, Giorgos Papadatos, Giuseppe Lana, Giuseppe Mendolia Calella, Irma Markulin, Irina Novarese, Iva Kontić, Ivana Smiljanić, Ivana Spinelli, Lisa Wade, Lorenzo Mazzi, Luca Andriollo, Lucia Veronesi, Luis DeMatos, Madispa, Maja Beganovic, Marco Belfiore, Marco Pezzotta, Massimiliano Marraffa, Massimo Estero, Maria Mitsopoulou, Maria Fernanda Moscoso, Marija Jovanović Masa, Mario Ciaramitaro, Maura Banfo, Mihailo Vasiljevic, Nataša Vasiljević, Nina Simonovic, Nina Todorovic, Pamela Martinez Rod, Paula Muhr,Philipp Koch, Petya Koleva, Pola Dwurnik, Rafa Badia, Rebecca Agnes, Sasha Vinci, Sergio Racanati, Silvano Arcidiacona, Slobodan Stosić,Stefanie Schairer, Stefania Migliorati, Stephan Groß, Suite-Case, TamtamART (Ichen Tsou, YaWen Fu, YunTing Hung), Tatjana Fell, U10,Valentina Lucia Barbagallo, Vassiliea Stylianidou, Vassiliki Vayenou, Vesna Micovic, Yeşim Ağaoğlu.

PARTNERS

http://www.22e37.com/ http://www.berlinerpool.de/ http://www.corpo6.com/ http://www.panem-et-circenses.me/ http://scaffaleperturbanteblog.wordpress.com/ http://soundcloud.com/ikusakan

ENGLISH VERSION

“Out of Place_an ongoing archive” is a curatorial project aimed to collect a range of materials, mainly quotations, publications and images related to the concept of contemporary nomadism. The purpose of “Out of Place” is to create a temporary archive collecting a wide overview of theoretical references and ideas about nomadism and its effects on the forms of contemporary art production. At the core of our research there is the idea that being out of place is a condition that allows a subject to continuously relocate himself or herself somewhere. This process leads to a movement not only physical, but also temporal, necessary to construct the constantly changing meaning of our presence in a place. Although in the last years the increasing mobility and artistic migration have helped to highlight the effects that an itinerant life can have on the concept of site and on the artistic practice itself, we are still often linked to the idea that the identity of a person, and especially an of artist, is closely linked to a place of belonging and that a place can be our own, because we are somehow fundamentally linked. As Miwon Kwon has highlighted in 2002, this kind of relation with right places is usually considered useful to reaffirm our sense of self, reflecting back a picture of a grounded identity. In opposition, wrong places are unfamiliar, disorienting, threatening for our capacity to constitute a sense of self and the world. In overcoming the dualistic system of thinking our sense of place, it raises the possibility to explore the critical and creative potential of being out of place, as a temporal and spatial movement able to constitute new relations between the subject, the context and their temporary meaning. The archive will explore the complex issue of being out of place through the involvement of realities that act and move in different cultural territories. We will start from the Sixties, when this condition has been investigated by many artistic practices that has been reflecting on the relationship between the artistic process, the context in which they act and the space for their recognition. We would like to collect materials about projects and ideas that think about contemporary nomadism as a condition that overcrosses, not only physically, in territories not yet encoded, where, in order to reach a possible and temporary place of belonging it is necessary to move without a default destination.

22_37_CORPO6_berlinerpool-verticale

Wunderkammer

  • Christine Davenne, Christine Fleurent, Cabinets of wonder, Abrams, New York, 2012.

Il libro illustra la storia della Wunderkammer dal suo inizio nel sedicesimo secolo fino alle collezioni contemporanee attraverso le foto di Christine Fleurent e il testo di Christine Davenne.

  • Patrick Mauriès, Érik Desmazières, A Cabinet of Rarities, Antiquarian Obsessions and the Spell of Death, Thames & Hudson, London, 2012

  • Patrick Mauriès, Cabinets of Curiosities, Thames & Hudson, London, 2011.

(Musée Fragonard de l’École Nationale Vétérinaire d’Alfort, Maisons-Alfort) ©

Sulla chiusura della libreria Gheduzzi a Verona

Oggi chiude a Verona una libreria in cui ho lavorato per oltre otto anni…

Non penso sia importante scrivere qui dei miei ricordi legati a questo posto, ma è necessario sottolineare l’importanza che questa libreria ha avuto per la città di Verona e la sua gente.
Per molti veronesi non era un semplice negozio di libri, ma è stato un punto di riferimento anche culturale.
Ciò che veniva offerto, non era solo la novità editoriale, ma anche una serie di testi scelti sia nell’ambito dei piccoli editori locali e non, che nel settore più eterogeneo della saggistica e dell’arte (soprattutto ciò che si poteva trovare nell’ampia produzione dell’editoria internazionale).
Non credo, però, che sia sufficiente ricordare quello che è stato fatto e ciò che si è offerto, ma penso sia necessario riflettere sul dopo e volgere lo sguardo all’assenza di idee e ancor più sulla mancanza di un reale impegno per un rinnovamento del concetto di libreria a livello generale. L’impegno profuso dalle persone per chiedere che la libreria Gheduzzi in futuro non venga snaturata e mantenga la sua offerta attuale e il dispiacere per la chiusura manifestato dagli stessi, non è l’unica cosa che si può fare per evitarne la perdita. La soluzione non è mantenere le cose come sono o ripeterle. In Italia si è sempre pensato di poter sopravvivere, nonostante i cambiamenti continui dell’economia e della società. Le librerie non sono luoghi immutabili e immobili nel tempo.
Una nuova libreria è possibile, non credo alla vulgata tipicamente italiana che predica una crisi economica contro la quale nulla si può fare. La mancanza di investitori dipenderà anche da questo, ma non può essere un freno ad una nuova impresa. Non è difficile guardare oltre e avere il coraggio di intraprendere qualcosa di nuovo. In Europa ci sono realtà che, attente alla situazione attuale, stanno cambiando il loro modo di agire e seguono con attenzione le evoluzioni del mercato librario. Non parlo solo di grandi catene, ma anche di piccoli librai che cercano di rispondere a ciò che potrebbe, in parole povere, “farli chiudere”, attuando cambiamenti nella struttura della loro offerta, mantenendo, però, una scelta sempre indirizzata alla qualità. Difficile pensare che a Verona e, soprattutto, in Italia manchino queste persone e che siano solo un fenomeno legato ad altri paesi europei.

Illuso?

 

Fuori Luogo_un archivio in progress (ArtVerona, 18-22 ottobre 2012)

A seguire il comunicato stampa dell’associazione 22:37 che illustra i due progetti presentati in fiera a Verona.

Il mio precedente post (ed alcuni altri in futuro) sono parte di questo progetto.

logo22e37.jpg   ——————> INDEPENDENTS3 / ArtVerona

18-22 ottobre 2012

Padiglione 7 – Stand 12, ArtVerona, Verona

Preview: gio 18 ottobre dalle 14.00 (solo su invito)
Apertura al pubblico: gio 18 ottobre – 15.30 / 20.30
ven 19 – sab 20 – dom 21 – 10.30 / 19.30
lun 22 – 10.30 / 15.00

Quartiere fieristico di Verona

ingresso: da viale del Lavoro

***********

L’abitudine di ascoltare o leggere esperienze di viaggio, percorsi verso qualcosa di lontano e non ancora raggiunto, ha fatto sì che l’immaginario legato a ciò che è distante e sconosciuto assumesse un’importanza sempre maggiore nel determinare nella nostra percezione la geografia e il significato della nostra presenza in alcuni luoghi .

A seconda di come un luogo o un avvenimento ci viene  per esempio narrato per immagini o parole siamo portati a collocarlo in uno spazio, a costruirne un significato e a proiettarvi un desiderio.

Proprio perché il continuo dialogo dell’associazione 22:37 si sviluppa a distanza, cercando di mantenere una posizione critica su questioni ritenute urgenti non solo in ambito culturale, ma anche nel contesto sociale in cui l’associazione è attiva, per Indipendents3 22:37 propone un riflessione sul nomadismo e l’immaginario, che presentando due progetti che esplorano, mettono in discussione e ampliano la geografia in alcuni luoghi.

***********

Geografie Erranti

a cura di 22:37

con Nina Fiocco e Nicola Turrini, Marco Godinho, Stefania Migliorati, Boba Mirjana Stojadinović

Geografie Erranti riflette su una particolare strategia di analisi e riappropriazione di un’immagine da parte di quattro artisti. L’assunzione di spazio, attraverso l’azione pratica dell’errare, intesa sia come cammino o percorso, sia come errore, diviene non solo pratica estetica, ma strumento critico per confrontarsi con alcune questioni legate alla problematica dell’immaginario e alla sua capacità di veicolare significati specifici.

Attraverso l’esplorazione, il vagare, l’attraversare o l’andare alla deriva, all’interno di questi immaginari, è possibile scoprire l’esistenza di una geografia inedita, è possibile ricollocare in uno spazio reale i luoghi che le immagini raccontano, intervenire criticamente sulla realtà e quindi costruirne una nuova storia. Queste azioni saranno raccontate dalle opere Around the world in eight hours di Nina Fiocco e Nicola Turrini, Something white, a walk with Tomas Espedal di Marco Godinho, Die undichte stadt (la città permeabile) di Stefania Migliorati, A guide through exhibitions and cities, lavoro site specific di Boba Mirjana Stojadinović.

***********

Fuori Luogo_un archivio in progress

a cura di 22:37 in collaborazione con Lo Scaffale Perturbante, Berlino

con Adalberto Abbate, Aleksandar Maćašev, Alessandro Ambrosini, Alessandro di Pietro, Alessandro Rolandi, Ana Maria Bresciani e Antonio Cataldo, Armida Gandini, Barbara Fragogna, Bcomeblog, Branka Nedimović, Boba Mirjana Stojadinović, Catrina Zanirato, Cecilia Divizia, Daniela Dimaro Diego Mallo, Dubravka Vidovic, Dusica Drazic, Elena Bellantoni, Elena Mazzi, Emanuele Belluffi, Francesco Tavolaro, Gaia Martino, Giancarlo Norese, Gianluca Lombardo, Giorgos Papadatos, Giuseppe Lana, Irma Markulin, Iva Kontić, Lisa Wade, Lorenzo Mazzi, Luca Andriollo, Lucia Veronesi, Madispa, Maja Beganovic, Marco Belfiore, Marco Pezzotta, Mitsopoulou Maria, Maria Fernanda Moscoso, Marija Jovanović Masa, Mario Ciaramitaro, Mihailo Vasiljevic, Natasha Vasiljević, Nina Simonovic, Nina Todorovic, Pamela Martinez Rod, Philipp Koch, Rafa Badia, Rebecca Agnes, Sergio Racanati, Silvano Arcidiacona, Slobodan Stosić, Tatjana Fell, U10, Vassiliea Stylianidou, Vesna Micovic.

Fuori Luogo_un archivio in progress è un archivio aperto e continuamente aggiornabile, che nasce con lo scopo di fornire una panoramica il più ampia possibile di riferimenti teorici e di idee riguardanti il concetto di nomadismo in relazione alle forme di produzione artistica contemporanea

L’installazione raccoglie una cinquantina di documenti, inviati da artisti, critici e curatori che hanno dato il loro contributo al primo corpus dell’archivio.

Alla base del progetto c’è l’idea che l’esser fuori luogo sia la condizione che permette a un soggetto di riposizionarsi continuamente in un luogo. Questo processo, non solamente fisico, è necessario a costruire il senso continuamente mutevole della nostra presenza nello spazio.

Gli stessi visitatori saranno chiamati a contribuire attivamente alla costruzione dell’archivio, partecipando in prima persona alla catalogazione e all’indicizzazione dei vari contributi presenti in Fuori Luogo. In questo modo, come un ospite desiderato, l’archivio troverà una sua temporanea collocazione all’interno di ArtVerona.

Si ringrazia CTRLZAK Art & Design Studio www.ctrlzak.com

********************************

INFO E CONTATTI

ArtVerona

www.artverona.it

***

22:37

www.22e37.com

info@22e37.com

***

Lo Scaffale Perturbante

scaffaleperturbanteblog.wordpress.com

Spunti per una breve passeggiata intorno al Flaneur

La forza di una strada è diversa a seconda che uno la percorra a piedi o la sorvoli in aeroplano (…) Chi vola vede soltanto come la strada si snoda nel paesaggio, ai suoi occhi procede secondo le medesime leggi del territorio circostante. Solo chi percorre la strada ne avverte il dominio, e come da quella stessa contrada che per il pilota d’aeroplano è semplicemente una distanza di terreno essa, con ognuna delle sue svolte, faccia balzar fuori sfondi, belvedere, radure e vedute allo stesso modo che il comando dell’ufficiale fa uscire i soldati dai ranghi.” Walter Benjamin, Strada a senso unico, Einaudi, 2006, pag. 8-9.

Breve passeggiata intorno al Flaneur

Nel 1841 Louis Huart pubblica una serie di brevi testi di genere satirico, descrivendo alcune tipici esempi di parigino tra i quali il Flaneur. Ogni volume tratta della “fisiologia” di un carattere specifico. Il testo di Huart fornì il punto di partenza per i lavori di vari scrittori tra i quali Heine, Baudelaire, Benjamin e Hessel.

Louis Huart, Physiologie du Flaneur

Pochi anni dopo Albert Smith pubblica a Londra The Natural History of the Idler upon Town, opera basata sugli articoli scritti nel 1842 per la rivista Punch con il titolo Physiology of the London Idler. In esso viene descritto il tipico “fannullone” o “vagabondo” londinese. Anche in questo caso il libro faceva parte di una più ampia serie intitolata Natural history, che venne definita dall’editore in modo ironico come social zoologies.

Albert Smith, The Natural History of the Idler upon Town, pag. 6

Negli stessi anni Heinrich Heine scrive a Parigi per la Allgemeine Zeitung di Augsburg, di cui era corrispondente dal 1832, un articolo in cui usa per la prima volta la parola Flaneur.

Heinrich Heines Sämtliche Werke, Deutsche Verlags-Anstalt, pag.753 “Jetzt, wo das Neujahr herannaht, der Tag der Geschenke, überbieten sich hier die Kaufmannsläden in den mannigfaltigsten Ausstellungen. Der Anblick derselben kann dem müßigen Flaneur den angenehmsten Zeitvertreib gewähren;…”

Contemporaneo ed amico di Benjamin fu Franz Hessel, autore di Spazieren in Berlin (1929). In quest’opera ed in altre, condensò, soprattutto in forma breve essendo lui anche giornalista, le sue esperienze di passeggiatore, sia reali che metaforiche, per le strade di Berlino e Parigi.

Flanieren ist eine Art Lektüre der Straße, wobei Menschen, Gesichter, Auslagen, Schaufenster, Café-Terrassen, Bahnen, Autos, Bäume zu lauter gleichberechtigten Buchstaben werden, die zusammen Worte, Sätze und Seiten eines immer neuen Buches ergeben. Franz Hessel, Ein Flaneur in Berlin, Das Arsenal, 2011, pag. 143.

Breve bibliografia

Guillaume Apollinaire, Le Flaneur des deux rives, Gallimard, Paris, 1928

Heinrich Heine, Vermischte Schriften, Lutezia. Berichte über Politik, Kunst und Volksleben Erster Theil, Hoffmann und Campe, Hamburg, 1854. (XXXV, Paris, den 11. Dezember 1841)

Franz Hessel, Spazieren in Berlin, Verlag Dr. Hans Epstein, Wien und Leipzig, 1929.

Franz Hessel, Ein Flaneur in Berlin, Das Arsenal, Berlin, 2011 (1984). (Nuova edizione di Spazieren in Berlin)

Franz Hessel, L’arte di andare a passeggio, Elliot, Roma, 2011. (Contiene estratti da Teigwaren leicht gefärbt (1926), Nachfeier (1929) e Ermunterungen zum Genuß (1933))

Louis Huart, Physiologie du Flaneur, Aubert et Cie / Lavigne, Paris, 1841. (Illustrazioni di Alophe, Daumier e Maurisset)

Edgar Allan Poe, The Man of the Crowd, in Tales by Edgar A. Poe, Wiley & Putman, New York & London, 1845. (Pubblicato la prima volta nella rivista Burton’s & The Casket, Dicembre 1840)

Margaret A. Rose (Introduced and edited by), Flaneurs and Idlers, Aisthesis Verlag, Bielefeld, 2007. (Contiene le opere di Huart e Smith)

Albert Smith, The Natural History of the Idler upon Town, D. Bogue, London, 1848. (Illustrazioni di Henning)

James V. Werner, American Flaneur. The cosmic physiognomies of Edgar Allan Poe, Taylor & Francis, London, 2011

Rethinking the Flâneur: Flânerie and the Senses, Dix-Neuf Journal, volume 16.2, July 2012

Link

Guillaume Apollinaire, Le Flaneur des deux rives, Gallimard, Paris, 1928 (recensione di Walter Benjamin, testo in tedesco)

Auguste de Lacroix, Le Flaneur, 1841, in Les Français peints par eux-mêmes. Encyclopédie morale du dix-neuvième siècle, Louis Curmer éditeur, 49, rue de Richelieu, Paris, 1840-1842. (testo in francese)

Louis Huart, Physiologie du Flaneur, 1841  (testo in francese)

Albert Smith, The Natural History of the Idler upon Town, 1848 (testo in inglese)

Hinrich C. Seeba, Ironie des unsystematischen Heinrich Heine in Berlin und der urbane Blick des Flaneurs, Forum Deutsch
Revista brasileira de estudos germânicos (PDF, testo in tedesco)

Iris Bäcker, Berlin-Bilder von Franz Hessel und Walter Benjamin (PDF, testo in tedesco)

Guillaume Apollinaire, Le Flaneur des deux rives, Éditions de la Sirène, 1918

_____________________________________________________________________________________________

In memoria di Alessandro Zanella

In memoria di Alessandro Zanella, stampatore, editore, tipografo e fondatore delle edizioni Ampersand a Verona. 

Nell’Aprile di quest’anno è morto l’artista e stampatore Renzo Sommaruga, milanese d’origine, ma legato sin dall’infanzia alla città di Verona. Da pochi giorni è venuto a mancare prematuramente lo stampatore ed editore Alessandro Zanella, attivo in provincia di Verona con una delle ultime private presses esistenti in Italia

Verona ha una lunga tradizione nella stampa manuale. Dal De re militari di Valturio (1472) all’attività di Giovanni Mardersteig e la sua Officina Bodoni, le Editiones Dominicae di Franco Riva, la tipografia di Gino Castiglioni e Alessandro Corubolo e i libri di Renzo Sommaruga. A partire dal 1970 fu attiva anche la Plain Wrapper Press dello statunitense Richard-Gabriel Rummonds. Nel 1976 si propone a Rummonds come apprendista lo stesso Zanella. Divenuto socio nel 1977 stampa in 86 esemplari il suo primo libro Will and testament: A Fragment of Biography di Anthony Burgess con le serigrafie di Joe Tilson.

 

 

 

 

 

 

 

Quando Rummonds nel 1982 decide di tornare negli Stati Uniti, Zanella acquista il suo torchio Stanhope del 1854 e fonda la tipografia privata Ampersand, attiva dal 1984 (il nome deriva dal logogramma &, che nella lingua inglese indica la congiunzione latina et).

Pubblica poesie e opere di autori come Maria Luisa Spaziani, Valerio Magrelli, Heinrich von Kleist, Stéphane Mallarmé, Ghiannis Ritsos, Riccardo Bacchelli, James Joyce, Antonella Anedda, Umberto Eco, Vittorio Sereni, Alessandro Zanella, Nicola Dal Falco, Herta Müller e Le carte del cielo una collana di autori italiani. Tutti i libri sono accompagnati da opere di artisti come Valerio Adami, Neil Moore, Joe Tilson, Lucio Passerini, Jacques Verniére, Tommaso Cascella e altri.

Tre poesie, Vittorio Sereni. Incisioni al bulino di Carlo Rapp.

 

 

 

 

 

 

 

Zanella ha collaborato anche con l’associazione fiorentina di bibliofilia Cento amici del libro, per la quale ha pubblicato otto titoli.

Per ulteriori informazioni o immagini su Alessandro Zanella e i suoi libri:

http://www.alessandrozanella.it/wordpress/

La tipografia si trova a Santa Lucia ai Monti (Valeggio sul Mincio) in provincia di Verona.

 foto: Arturo Rinaldi

(source http://www.claudiatavella.it/)

Stanley Kubrick’s Photos

Stanley Kubrick, Woman carrying a large stack of books down stairs, Columbia University, 1948.

Stanley Kubrick, People Mugging (Bookseller, with customer, on the sidewalk), 1946.

Stanley Kubrick, “In one year, Columbia professors wrote this many books”, Columbia University, 1948.

From the Collections of the Museum of the City of New York.

©SK Film Archives/Museum of the City of New York


Queste foto sono state realizzate da Stanley Kubrick per la rivista “Look Magazine”.

(altre foto si possono trovare qui)

Bücher und Beton

Libri e cemento

Un esempio di BookArt di Kristine Alksne (1980, Riga, Lettonia)

http://kristinealksne.com/

 

Come si può interpretare l’incontro lungo le strade della tua città di scatole abbandonate, piene di libri? Come si può rispondere al disagio di insegnanti, che travolti dai cambiamenti politici del proprio paese, non sanno più quale sarà il testo di storia adottato nelle scuole? Come affrontare abbandoni e modificazioni di ciò che quotidianamente è considerato come il custode della cultura, sia personale che sociale?

Kristine Alksne immerge l’oggetto-libro nel cemento, lo blocca nel suo essere sfogliabile, lo priva della sua leggibilità, ma allo stesso tempo lo preserva dalle ingiurie del tempo e dagli interventi sconsiderati di chi favorisce la censura o la distruzione del sapere. Custodire è anche modificare qualcosa, un tentativo di proteggere la storia per non rimuoverla. Attraverso il cemento l’artista rimanda anche ad un’ulteriore livello di lettura dell’opera stessa, la trasformazione dell’oggetto-libro nel prototipo di un monumento, come possibile celebrazione della parola scritta e de suo supporto fisico.

Oltre a ciò Kristine espande le possibilità di interazione tra la funzione comunicativa del libro e la sua struttura fisica. Il formato stesso del libro permette una rilettura dell’oggetto come spazio fisico sul quale intervenire. La creazione di paesaggi attraverso il taglio di intere parti del libro ricollega l’attività intellettuale umana contenuta nei testi alla sua relazione indissolubile con la natura.

In un futuro prossimo il libro dovrà essere tutelato come oggi accade per un paessaggio naturale?

Displaced Fractures by Kristine Alksne (2010)

Most of the monuments around us are the ones whose existence we no longer remember. Since time immemorial nature has brought matter to a halt and we can witness these fleeting moments.

It is memories for the future that have been carved into these testaments on displaced pedestals. They are collages of observation on the interaction of the creations of man and nature.

In this era, busy with choise and picking options, monuments have also become an imperative of moments captured in books, magazines and DIY photographs. Capturing the disappearing, halting the never recalled, stopping the unstoppable is the source of these displaced fractures.

(Übersetzung ins Deutsche)

Uns sind die meisten Monumenten um uns nicht mehr bewusst. Materie wird ständig von der Natur umgelagert und wir merken nur die flüchtigen Momente in denen es scheint, dass sie zum Standstill kommt.

Diese sind Errinerungen der Zukunft, gemeißelt auf verschobenen Podesten. Sie sind Kollagen unserer Beobachtungen der Auseinandersetzungen zwischen künstlichen und natürlichen Schöpfungen.

Im Zeitalter des Auswahlüberschusses, regieren Monumente über Bilder in Büchern, Zeitschriften und Schnappschüsse. “Displaced Fractures“ ist ein Versuch, das Verschwindende zu halten, das Nichtgelöschte zunichte zu machen, das Unaufzuhaltende zu stoppen.

Exhibition-Ausstellungen-Mostre

- Ripe, Tape Modern No. 26, Berlin

- TEXT = IMAGE, KIM? Contemporary Art Centre, Riga

- Survival Kit 3, Latvian Centre for Contemporary Art, Riga

Kristine Alksne (1980, Riga, Lettland)

http://kristinealksne.com/

Photomaton

4 libri sul formato tessera, ovvero l’automantismo dell’immagine…

Günter Karl Bose, Photomaton. 500 Automatenfotos. Frauen Männer Kinder 1928-1945, Institut für Buchkunst, Leipzig, 2011.

Raynal Pellicer, Photomaton, Éditions de La Martinière, Paris, 2011.

Clément Chéroux, Derrière le rideau, l’esthétique du photomaton, Photosyntheses Eds, Arles, 2012.

Federica Muzzarelli, Formato tessera, Bruno Mondadori, Milano, 2003.

Un saggio completo sulla storia del formato tessera, dall’utilizzo nella criminologia ottocentesca fatto da Alphonse Bertillon a Parigi, passando per l’invenzione delle cabine per fototessere negli anni venti fino all’impiego nell’arte da parte di artisti come Marcel Duchamp, René Magritte, Walker Evans e Francis Bacon.

Questo è il sito più interessante che ho scovato in internet sull’argomento:

http://www.photobooth.net/index.php

Erotismo berlinese

Max von Strauch, Herrschaft & Zofe, 8 Erotika aus Berlin Schöneberg, Tusche & Feder, 1923.

 

Dominazione e donna di servizio“, è il titolo di questa raccolta di 8 originali disegni erotici a china di Max von Strauch.

In esso si gioca sul doppio senso delle due parole, in quanto nell’ambito del BDSM esse stanno ad indicare il ruolo della dominatrice e della sottomessa, in questo caso impersonata dalla cameriera… Zofe è il termine tedesco per il francese Femme de chambre, ovvero la ragazza che prestava servizio presso le famiglie nobili tra seicento e settecento, protagonista di numerose opere letteraria anche a sfondo erotico.

Di Max von Strauch non si conosce nulla, probabilmente è lo pseudonimo di un artista attivo a cavallo tra gli anni ’60 e ’70 in Germania. In Internet si trovano in vendita le sue opere a prezzi cha variano tra 150 e 400 Euro, ma nessuno dei librai o antiquari che propongo i lavori di von Strauch sa fornire ulteriori informazioni biografiche.

Alcuni titoli di altre raccolte di disegni dell’autore:

Adelige Aktmodelle aus Berlin (1923), Berliner Soiree (1923), Erotischer Abgesang auf das Kaiserreich (1923), Phallus (1923), Berlin Alexanderplatz (1924), Berliner Huren im Absinthrausch (1924), Mulackritze tanz auf dem Vulkan (1924), Varieté Berlin (1924), Variete Frivol (1924), Huren und Absinth (1925), Deutscher Patrioten (1940).

 

 

 

Max von Strauch

(Esistono versioni differenti con immagini diverse o con un numero di immagini maggiore ed in questo caso hanno riportato in aggiunta la data 1924 nei singoli disegni.)

(Über Max von Strauch ist leider nichts bekannt. Er zeichnete wohl in den 60er/70er Jahren in Deutschland.)

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: